Camera Commercio Lecce Menu
Giovedì 23 Maggio 2024
 
MENÙ

L’origine del nome

 

Messapia, che significa “terra bagnata dai due mari”, era l’antico nome del Salento, territorio compreso, appunto, tra il mare Jonio e il mare Adriatico. In questo nome come in Iapigi ed Apuli è presente il suono “ap” che vuol dire “acqua”.


I Messapi abitarono la parte meridionale della Puglia, chiamata Iapigia, a sua volta distinta in Peucezia (terra di Bari) e Daunia (terra di Foggia).
Erodoto li ricorda come una popolazione molto compatta etnicamente e culturalmente e li considera discendenti dei Cretesi, che si spinsero fin sulle coste del Salento dove si mescolarono alle popolazioni presenti, fondando le prime città e portando gli usi e i costumi che distinsero i salentini dalle altre popolazioni pugliesi.


Secondo gli storici moderni, invece, i Messapi erano di stirpe illirica, come farebbero pensare i nomi geografici e la lingua delle iscrizioni messapiche rinvenute in Puglia.
Essi sarebbero arrivati ad Otranto attorno al 1000 a.C., in quanto più vicino all’Albania, poi sarebbero scesi a Santa Maria di Leuca e risaliti fino a Taranto. La Messapia comprendeva tutta la penisola salentina, dal Capo di Santa Maria di Leuca a Taranto e Brindisi come testimoniano i ritrovamenti linguistici.


La lingua è indoeuropea centro orientale e presenta un’affinità con l’odierno albanese. Di essa non si conosce molto, anzi si sa leggerla, ma non capirla perchè le lettere molto simili a quelle dell’alfabeto greco formano parole di cui non si conosce il significato.